Gluck, Orfeo ed Euridice, «Chiamo il mio ben così»